lo SPORT

Leggi anche L’importanza delle buone abitudini

L’attività fisica è fondamentale per la buona salute della schiena, perché in questo modo si rinforzano i muscoli che hanno il compito di sorreggere la colonna e devono, quindi, avere una buona flessibilità ed elasticità. Non solo. Lo sport ha una grande valenza preventiva sia per evitare che compaia il mal di schiena sia per mantenere i risultati che si ottengono dopo le cure, le manipolazioni e le terapie per alleviare i dolori localizzati. Più sport e movimento si riesce a fare, meno si soffrirà di cervicalgia e lombalgia, con un’unica accortezza: non praticare attività fisica o fare sforzi durante la fase acuta del mal di schiena, perché potrebbe peggiorare, vanificando le cure e cronicizzandolo.

Quale scegliere?

L’esercizio fisico ideale per mantenere la schiena in forma deve comprendere lo stretching, il lavoro aerobico e il rinforzo muscolare.

  • qualsiasi sport va bene, l’importante è che non si esageri con gli sforzi o con i sollevamenti di pesi eccessivi: quindi se si scelgono attività come il body building, il canottaggio o il golf è sempre neccessario un lavoro di preparazione atletica prima di iniziare;
  • lo stesso vale per tutte le discipline nelle quali la schiena subisce molti contraccolpi come il ciclismo, il tennis e le attività in cui si salta. Ciò che, però, va sottolineato è che qualsiasi attività fisica deve essere fatta con continuità e a cadenza regolare: non serve a nulla esercitarsi per una settimana tutti i igiorni e poi interrompere per un mese.

stretching

Prima di decidere valutare con l’istruttore

Se si opta per un allenamento in palestra e si soffre di mal di schiena è sempre meglio mettere al corrente il personal trainer del proprio disturbo.

  • in questo modo potrà mettere a punto una scheda personale, che escluda alcuni esercizi, come per esempio gli squat e il sollevamento dei pesi con il bilancere, e che prediliga lo stretching e le torsioni, oltre a tutti i movimenti che sciolgono la muscolatura e rafforzano le fasce addominali e dorsali;
  • per quanto riguarda i corsi sarebbe meglio evitare quelli in cui si salta (come lo step), perché si sottopone la schiena a continui contraccolpi. In questo caso un’eccezione potrebbe essere rappresentata dai tappeti elastici, che attutiscono l’impatto quando si atterra.

Il nuoto è l’attività ideale

Si tratta dell’unico sport che si fa in orizzontale e immersi nell’acqua: questo fa si che non si sottoponga il corpo al peso della testa e non si sovraccarichi la colonna. Inoltre, non si subiscono traumi o colpi e per questo è sicuramente l’attività ideale per chi ha mal di schiena.

Quale stile scegliere

Il dorso è ottimo per la lombalgia, ma non va particolarmente bene per l’ipercifosi (dorso curvo), metre lo stile libero è il migliore per ogni tipo di dolore, a meno che non si soffra di cervicalgia acuta.

  • lo stesso vale per la rana, che non è indicata se il problema riguarda collo e spalle, perché costringe a mantenere sollevata la testa e il collo in tensione.

Lo yoga scioglie le tensioni

Questa disciplina è un vero toccasana per la schiena sia da un punto di vista fisico sia mentale. Infatti, grazie alle numerose posizioni (asana) che si assumono, si riescono a scogliere le tensioni, si rafforza tutta la muscolatura e, in particolare, quella addominale, che è fondamentale per sorreggere la schiena e la testa nel modo corretto, evitando vizi di postura.

  • inoltre, lo yoga non si occupa soltanto del corpo, ma aiuta anche a tenere sotto controllo l’ansia e lo stress, due cause frequenti dei dolori all’altezza delle spalle e del collo;
  • tutto il lavoro fisico che si fa durante la lezione altro non è che uno strumento per raggiungere il rilassamento. Quest’ultimo costituisce gli ultimi 10-15 minuti della lezione e si effettua stando sdraiati per terra con gli occhi chiusi, mentre la voce dell’insegnante guida gli allievi in una meditazione, che consente di concentrarsi sul respiro lasciando da parte le preoccupazioni.

Ci sono moltissimi tipi di yoga e ognuno può scegliere quello che preferisce in base alla propria sensibilità e soprattutto all’affinità che ha con l’insegnante. Chiunque può praticarlo, indipendentemente dell’età e dalla forma fisica, ed è consigliato anche in gravidanza, periodo durante il quale può essere svolto modificando leggermente alcune posizioni.

Leggi anche Lo yoga della casa

lo yoga

Il Pilates, per migliorare la postura

Un’altra disciplina che viene consigliata dalla maggior parte dei medici a chi soffre di dolori alla schiena è il Pilates.

  • questo metodo nasce  proprio per migliorare la fluidità dei movimenti di tutto il corpo, prevenire e ridurre eventuali dolori fisici, allineare la colonna vertrebrale, migliorare la postura e rafforzare il centro del corpo (addominali, cosce, muscoli lombari e glutei) in modo tale da sorreggere al meglio la schiena;
  • il metodo tradizionale si avvale di appositi macchinari che, attraverso una serie di molle più o meno resistenti, aiutano a eseguire gli esercizi mantenendo sempre la postura corretta, ma si può svolgere anche a terra (mat work) utilizzando materassini, palle ed elastici.

Anche una camminata aiuta

La camminata è un’ottima soluzione per fare una leggera attività aerobica: l’importante è che si svolga in pianura, evitando quindi le psseggiate in montagna e le salite e che ci si regoli in base al proprio stato di allenamento.

  • ci vogliono soltanto 30 minuti al giorno per rendere più forti le ossa oltre ad abbassare i livelli di colesterolo, contrastare il diabete e mantenersi in linea;
  • non solo, sempre nel’ottica di contrastare lo stress come una delle cause del dolore alla schiena, camminare può avere effetti positivi anche sulla mente,
  • basta concentrarsi sul respiro e seguire la filosofia del “deep walking”, una tecnica che coniuga i benefici del camminare con la meditazione. Tutti possono cimentarsi in questa disciplina, perché basta scegliere un bel posto (possibilmente a contatto con la natura) e camminare.
  • l’obbiettivo è quello di cercare di isolarsi da tutto il resto e arrivare a non sentire nient’altro che i nostri pensieri. Come fare? Innanzitutto, imparando a non correre, ma a fare passi lunghi, lenti e sincronizzati con il proprio respiro.
  • è anche importante “svalorizzare” il senso della vista, guardare il meno possibile intorno, e tenere lo sguardo fisso nel vuoto, cosi da usare tutti gli altri sensi.

camminatasportiva

Marine Omega è un integratore alimentare ricco di acidi grassi omega-3, che contiene EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico), oltre a fornire 1200 mg al giorno di acidi grassi omega-3 con olio di krill e di pesce.

*20 capsule soft gel                                                                                  *euro 48.47

Peso netto 193g

marineomega

Dose giornaliera: prendere due (2) softgel due volte al giorno con cibo e acqua.

Ingredienti: Olio di pesce (21% acidi grassi omega-3), Softgel (Gelatina, Umidificanti: Glicerina, Aroma: Vanillina), Estratto lipidico del crostaceo krill antartico Euphausia superba, Antiossidante: Estratto ricco di tocoferolo.

Produttore/Importatore: fabbricato esclusivamente in Italia.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: