lo SPORT

Leggi anche L’importanza delle buone abitudini

L’attività fisica è fondamentale per la buona salute della schiena, perché in questo modo si rinforzano i muscoli che hanno il compito di sorreggere la colonna e devono, quindi, avere una buona flessibilità ed elasticità. Non solo. Lo sport ha una grande valenza preventiva sia per evitare che compaia il mal di schiena sia per mantenere i risultati che si ottengono dopo le cure, le manipolazioni e le terapie per alleviare i dolori localizzati. Più sport e movimento si riesce a fare, meno si soffrirà di cervicalgia e lombalgia, con un’unica accortezza: non praticare attività fisica o fare sforzi durante la fase acuta del mal di schiena, perché potrebbe peggiorare, vanificando le cure e cronicizzandolo.

Quale scegliere?

L’esercizio fisico ideale per mantenere la schiena in forma deve comprendere lo stretching, il lavoro aerobico e il rinforzo muscolare.

  • qualsiasi sport va bene, l’importante è che non si esageri con gli sforzi o con i sollevamenti di pesi eccessivi: quindi se si scelgono attività come il body building, il canottaggio o il golf è sempre neccessario un lavoro di preparazione atletica prima di iniziare;
  • lo stesso vale per tutte le discipline nelle quali la schiena subisce molti contraccolpi come il ciclismo, il tennis e le attività in cui si salta. Ciò che, però, va sottolineato è che qualsiasi attività fisica deve essere fatta con continuità e a cadenza regolare: non serve a nulla esercitarsi per una settimana tutti i igiorni e poi interrompere per un mese.

stretching

Prima di decidere valutare con l’istruttore

Se si opta per un allenamento in palestra e si soffre di mal di schiena è sempre meglio mettere al corrente il personal trainer del proprio disturbo.

  • in questo modo potrà mettere a punto una scheda personale, che escluda alcuni esercizi, come per esempio gli squat e il sollevamento dei pesi con il bilancere, e che prediliga lo stretching e le torsioni, oltre a tutti i movimenti che sciolgono la muscolatura e rafforzano le fasce addominali e dorsali;
  • per quanto riguarda i corsi sarebbe meglio evitare quelli in cui si salta (come lo step), perché si sottopone la schiena a continui contraccolpi. In questo caso un’eccezione potrebbe essere rappresentata dai tappeti elastici, che attutiscono l’impatto quando si atterra.

Il nuoto è l’attività ideale

Si tratta dell’unico sport che si fa in orizzontale e immersi nell’acqua: questo fa si che non si sottoponga il corpo al peso della testa e non si sovraccarichi la colonna. Inoltre, non si subiscono traumi o colpi e per questo è sicuramente l’attività ideale per chi ha mal di schiena.

Quale stile scegliere

Il dorso è ottimo per la lombalgia, ma non va particolarmente bene per l’ipercifosi (dorso curvo), metre lo stile libero è il migliore per ogni tipo di dolore, a meno che non si soffra di cervicalgia acuta.

  • lo stesso vale per la rana, che non è indicata se il problema riguarda collo e spalle, perché costringe a mantenere sollevata la testa e il collo in tensione.

Lo yoga scioglie le tensioni

Questa disciplina è un vero toccasana per la schiena sia da un punto di vista fisico sia mentale. Infatti, grazie alle numerose posizioni (asana) che si assumono, si riescono a scogliere le tensioni, si rafforza tutta la muscolatura e, in particolare, quella addominale, che è fondamentale per sorreggere la schiena e la testa nel modo corretto, evitando vizi di postura.

  • inoltre, lo yoga non si occupa soltanto del corpo, ma aiuta anche a tenere sotto controllo l’ansia e lo stress, due cause frequenti dei dolori all’altezza delle spalle e del collo;
  • tutto il lavoro fisico che si fa durante la lezione altro non è che uno strumento per raggiungere il rilassamento. Quest’ultimo costituisce gli ultimi 10-15 minuti della lezione e si effettua stando sdraiati per terra con gli occhi chiusi, mentre la voce dell’insegnante guida gli allievi in una meditazione, che consente di concentrarsi sul respiro lasciando da parte le preoccupazioni.

Ci sono moltissimi tipi di yoga e ognuno può scegliere quello che preferisce in base alla propria sensibilità e soprattutto all’affinità che ha con l’insegnante. Chiunque può praticarlo, indipendentemente dell’età e dalla forma fisica, ed è consigliato anche in gravidanza, periodo durante il quale può essere svolto modificando leggermente alcune posizioni.

Leggi anche Lo yoga della casa

lo yoga

Il Pilates, per migliorare la postura

Un’altra disciplina che viene consigliata dalla maggior parte dei medici a chi soffre di dolori alla schiena è il Pilates.

  • questo metodo nasce  proprio per migliorare la fluidità dei movimenti di tutto il corpo, prevenire e ridurre eventuali dolori fisici, allineare la colonna vertrebrale, migliorare la postura e rafforzare il centro del corpo (addominali, cosce, muscoli lombari e glutei) in modo tale da sorreggere al meglio la schiena;
  • il metodo tradizionale si avvale di appositi macchinari che, attraverso una serie di molle più o meno resistenti, aiutano a eseguire gli esercizi mantenendo sempre la postura corretta, ma si può svolgere anche a terra (mat work) utilizzando materassini, palle ed elastici.

Anche una camminata aiuta

La camminata è un’ottima soluzione per fare una leggera attività aerobica: l’importante è che si svolga in pianura, evitando quindi le psseggiate in montagna e le salite e che ci si regoli in base al proprio stato di allenamento.

  • ci vogliono soltanto 30 minuti al giorno per rendere più forti le ossa oltre ad abbassare i livelli di colesterolo, contrastare il diabete e mantenersi in linea;
  • non solo, sempre nel’ottica di contrastare lo stress come una delle cause del dolore alla schiena, camminare può avere effetti positivi anche sulla mente,
  • basta concentrarsi sul respiro e seguire la filosofia del “deep walking”, una tecnica che coniuga i benefici del camminare con la meditazione. Tutti possono cimentarsi in questa disciplina, perché basta scegliere un bel posto (possibilmente a contatto con la natura) e camminare.
  • l’obbiettivo è quello di cercare di isolarsi da tutto il resto e arrivare a non sentire nient’altro che i nostri pensieri. Come fare? Innanzitutto, imparando a non correre, ma a fare passi lunghi, lenti e sincronizzati con il proprio respiro.
  • è anche importante “svalorizzare” il senso della vista, guardare il meno possibile intorno, e tenere lo sguardo fisso nel vuoto, cosi da usare tutti gli altri sensi.

camminatasportiva

Marine Omega è un integratore alimentare ricco di acidi grassi omega-3, che contiene EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico), oltre a fornire 1200 mg al giorno di acidi grassi omega-3 con olio di krill e di pesce.

*20 capsule soft gel                                                                                  *euro 48.47

Peso netto 193g

marineomega

Dose giornaliera: prendere due (2) softgel due volte al giorno con cibo e acqua.

Ingredienti: Olio di pesce (21% acidi grassi omega-3), Softgel (Gelatina, Umidificanti: Glicerina, Aroma: Vanillina), Estratto lipidico del crostaceo krill antartico Euphausia superba, Antiossidante: Estratto ricco di tocoferolo.

Produttore/Importatore: fabbricato esclusivamente in Italia.

 

L’importanza delle buone abitudini

La prima cura del mal di schina , cosi come di molte altre malattie, è la prevenzione. I problemi principali nascono dal fatto che la maggior parte delle persone assume una postura scoretta, spesso in maniera continuativa. Mantenere in flessione anteriore, sollevare pesi piegandosi in avanti e stare seduti per ore in posizioni anomale, sono tutti fattori che possono condurre al mal di schiena, in particolare se ripetuti a lungo.

Soffrono maggiormente di lombalgia i lavoratori che passano molte ore in macchina, seduti alla scrivania, oppure costretti a stare piegati in avanti per diverse ore. Anche i lavori domestici ( stirare a lungo piegati in avanti, fare giardinaggio) sono a rischio per la schiena.

Le giuste posizioni

L’atteggiamento coretto da mantenere è sempre lo stesso, da applicare nelle varie situazioni: se si sta in piedi, seduti alla scrivania o davanti alla televisione, in macchina o in moto. Ecco come, a seconda di quello che si sta facendo, mantenere la giusta postura ed evitare la comparsa del mal di schiena.

Alla scrivania in ufficio

In questo caso, ci sono molti aspetti da valutare. In linea massima, la schiena deve essere appoggiata allo schienale, i piedi devono essere appoggiati al pavimento, tra coscia e gamba dovrebbe formarsi un angolo di 90°, le spalle devono essere rilassate e i gomiti appoggiati alla scrivania. Per quanto riguarda gli strumenti utilizzati al lavoro, come tavolo, sedie e computer, ci sono comunque regole ben precise.

Il tavolo da lavoro

Deve essere tendenzialmente alto in rapporto all’individuo, cosi da mantenere, con l’avambraccio appoggiato, la spalla leggermente rialzata.

La tastiera

Deve restare separata dallo schermo, in modo da poter essere spostata finché si è trovata la posizione giusta per le braccia e i polsi. Lo schermo, invece, rispetto a chi lo usa, dovrebbe essere posizionato a una distanza tra i 35 e i 60 centrimetri.

  • è importante che la posizione della testa e lo sguardo siano indirizzate verso la linea dell’orizzonte, quindi esattamente davanti agli occhi. In altre parole, è la posizione del capo a regolare la postura del tronco.

tastiera

La sedia

E meglio sceglierla regolabile in altezza. Anche lo schienale deve avere un’inclinazione regolabile e un minimo di imbottitura.

  • la sedia, inoltre, dovrebbe essere girevole per evitare possibili dannose torsioni della colonna vertebrale.

Ogni due ore -una piccola pausa-

E importante fare delle pause, sopratutto se si passano molte ore di fila seduti alla scrivania o davanti al computer. Si può fare una “passeggiata” per prendere un caffè o per parlare con un collega, oppure usare la pausa per fare semplici esercizi decontratturanti. La legge 626/94 stabilisce che, in assenza di disposizioni sull’interruzione dell’attività previste dal contratto, il lavoratore ha diritto a una pausa di 15 minuti ogni due ore passate seduto davanti al pc.

ufficio

Nelle azioni quotidiane

Forse non tutti pensano che per prevenire la comparsa del mal di schiena, o una sua ricaduta, sia necessario fare attenzione anche ai piccoli gesti quotidiani come cucinare o vestirsi.

In cucina

Lavare i piatti, prendere gli alimenti della dispensa o dal frigorifero, sollevare una pentola piena che era sul fuoco. Sono gesti comuni che si ripetono più volte al giorno quando si lavora in una cucina. Ma chi fa attenzione a come si compiono?

  • per tutti vale sempre la regola di piegare le gambe quando ci si abbassa e di evitare di allungarsi per prendere qualcosa che si trova nei ripiani più alti.
  • in caso di azioni che richiedono una posizione statica e prolungata nel tempo, come stirare o lavare i piatti, è bene munirsi di un ripiano dove poter appoggiare un piede.

Vestirsi

Chi è abituato a vestirsi al volo poco prima di uscire di casa, farebbe bene a cambiare abitudine. Indossare intimo o pantaloni in piedi e di fretta significa avere un equilibrio molto instabile e creare potenziali danni alla schiena.

  • meglio sedersi a fare con calma. Anche mettere le scarpe andrebbe fatto da seduti e mai piegati in avanti o in piedi sollevando il piede.

Dormire

Come si deve dormire per non danneggiare la schiena? Non vi è imposta una posizione ideale, anche se la meno favorevole, in linea generale, è quella prona (disteso sul ventre).

  • anche per il cuscino non vi sono prescrizioni assolute e vale il concetto che il collo deve essere rilassato, quindi ben appoggiato.
  • la scelta del materasso non è secondaria se si parla di prevenzione del mal di schiena. Tendenzialmente, deve essere piuttosto rigido, meglio se a molle singole, ovvero impacchettate singolarmente.
  • è meglio appoggiare il materasso su una tavola, evitando le doghe ad arco.

Fare le pulizie

Non esistono solo le pilizie di primavera: in casa c’è sempre bisogno di riordinare. Allora, perché non imparare a farlo proteggendo la schiena?

  • per pulire i piani alti di un mobile, per esempio, è sempre bene usare la scala, mentre se i ripiani sono in basso ci si può sedere per terra.
  • il letto va rifatto piegando le gambe e non flettendo il busto in avanti. Gli aspirapolvere e le scope devono avere manici lunghi per non dover stare piegati in avanti tutto il tempo.

In auto

Chi per lavoro passa ogni giorno molte ore in macchina, dovrebbe osservare alcune regole per preservare la propria schiena.

  • lo schienale dovrebbe essere regolato a un’angolazione di 110°-120°, i glutei e l’osso sacro devono essere a contatto con il sedile e la testa appoggiata al poggiatesta.
  • quando si fanno le lezioni per prendere la patente, di solito si impara a tenere le mani sul volante nella posizione delle 10:10.
  • tuttavia, posizionando le mani in questo modo si tende a incurvare le spalle. In linea di massima, la posizione delle mani sul volante deve consentire all’articolazione della spalla e del gomito di non essere in tensione.

In piedi

Oltre a imparare a stare seduti in maniera coretta, bisogna anche abituarsi a stare in piedi nel modo giusto. In questo caso, bisogna focalizzarsi sul fatto che la forza di gravità e del peso del corpo, le curve fisiologiche della colonna vertebrale tendono ad accentuarsi.

  • e fondamentale, quindi, avere un buon allineamento della colonna, che si ottiene tenendo il capo in linea con il busto e le spalle. In questo modo, si potranno distribuire meglio i carichi su entrambi gli arti inferiori.

In moto

Andare in moto, scooter o motorino può essere comodo per evitare il traffico, e paradossalmente è meno dannoso dell’auto, sopratutto perché sulle due ruote vi è una attivazione continua della muscolatura paravertebrale per mantenere la posizione.

  • è bene adottare una postura idonea, che consiste nel mantenere la colonna allineata, appoggiare bene i glutei sul sellino, tenere i piedi ben saldi, le spalle rilassate e le mani “morbide” sul manubrio.

in piedi

Gli errori da evitare

Uno studio condotto su più di mille persone all’Università di Sidney ( Australia), ha evidenziato i principali movimenti errati che favoriscono il mal di schiena.

Perdere l’equilibrio

Perdere l’equilibrio o distrarsi mentre si sta svolgendo un movimento, come piegarsi in avanti o ruotare su un fianco ( due azioni che comportano pericolo per la schiena), aumenta di 25 volte la comparsa di dolore.

  • infatti, se si resta concentrati si fanno movimenti corretti, mentre quando si è distratti ci si scompone, a scapito della colonna vertebrale che ne subisce le conseguenze.

Sedersi in modo scomodo

La postura è fondamentale per prevenire il mal di schiena. Per esempio, prima di iniziare a guidare bisogna perdere qualche minuto e sistemare il sedile, soprattutto se si devono affrontare lunghi viaggi.

  • se si guarda la televisione seduti sul divano, non bisogna stare sdraiati, ma appoggiati allo schinale.
  • inoltre, se si è seduti e si iniziano a sentire dolori nella parte bassa della schiena, è bene cambiare posizione. Trascurare questi piccoli accorgimenti fa aumentare di otto volte il rischio di lombalgia.

Fare troppo sport

Lo sport fa bene alla mente e al fisico, a patto che si affronti in maniera graduale e adeguata alle proprie possibilità. Chi è all’inizio o riprende dopo una lunga pausa, divrebbe evitare allenamenti troppo duri o prolungati. In caso contrario, il rischio di mal di schiena aumenta quattro volte.

Sollevare o spostare oggetti

Il semplice gesto di alzare o spostare un oggetto può far commettere uno degli errori più comuni a scapito della schiena. Quando si sollevano le buste della spesa, un pacco o una scatola, è fondamentale piegarsi sulle ginocchia. E importante anche tenere gli oggetti il più possibile vicino al corpo: se sono lontani, infatti, aumenta di oltre sei volte il rischio di lombalgia.

  • un altro caso molto comune è il dover spostare oggetti che non offrono appigli, per esempio vasi di piante o scatole senza manici. Trasportare questo tipo di oggetti incrementa il pericolo di mal di schiena di oltre cinque volte: meglio dotarsi degli appositi carrellini da trasporto.
  • l’ultimo caso che riguarda il sollevare oggetti è lo spostamento di carichi pesanti. Farlo da soli significa aumentare di cinque volte il rischio di incorrere in mal di schiena: se possibile, meglio farsi aiutare da qualcuno, oppure usare il carrellino.

Svolgere attività che coinvolgono altre persone

Chi, per lavoro o per motivi personali, deve fare da supporto a persone non autosufficienti, ma anche chi ha bambini piccoli o si presta a sostenere chi ha problemi alle gambe, mette la propria schiena a rischio 5,8 volte in più rispetto a chi non vive queste situazioni.

Fare fatica quando si è stanchi

Il rischio di mal di schiena cresce di 3,7 volte se si compiono attività quando ci si sente già stanchi o affaticati. Rifare il letto, spostare piccoli oggetti o anche camminare diventa più problematico quando non si hanno le forze. Meglio riposare un po’, ritrovare l’energia e poi dedicarsi nuovamente alle proprie attività quodìtidiane.

nuova foto

FlexCrème – è un modo rapido e facile per una vita più attiva e flessibile. Questa crema contiene un complesso singolare e brevettato di estere di cetile, utilizzato dal corpo come emulsione e lubrificante. E’ sufficiente applicare questa crema ad azione rapida e penetrante sulle aree problematiche per poter tornare a una vita attiva e dinamica.

flex

                                                                                                                                            * euro 29.46
  – facile da applicare, viene assorbita rapidamente dalla pelle. Agisce rapidamente nelle zone problematiche. Per adulti e bambini a partire da 2 anni d´età: applicare sulle zone interessate non più di tre o quattro volte al giorno.

Pelle splendente con la giusta pulizia

unuPollution free di HSA. La linea “antinquinamento” che sfrutta le proprietà dello Zeolite, un minerale di origine vulcanica per detergere la pelle. La linea si compone di 8 differenti prodotti che vanno: dal latte detergente all’acqua micellare, dallo shower gel alla maschera esfoliante. (nelle farmacie più fornite oppure visita: http://www.hsacosmetics.com/skincare/pollution-free.html ).

doiiSoluzione Struccante Bifasica di Korff, arricchita dall’estratto di Ganoderma Lucidum e acido ialuronico assicura una pelle perfettamente detersa anche dal trucco più resistente. (in farmacia)

 

treiEssential Peeling di Comfort Zone, maschera enzimatica naturale a base di Bromelina e Betaina che svolge un’azione delicata per risvegliare la luminosità dell’incarnato. Perfette per la cute sensibile. (www.amazon.it)

patruWaso Soft + Cushy Polisher di Shiseido, un prodotto levigante dalla texture morbida ispirata al tofu che rimuove le cellule morte e libera i pori ostruiti grazie a specifici granuli vegetali che agiscono da scrub. (nelle profumerie Douglas / Limoni, nelle farmacie più fornite).

cinciiDetergente Sublime Insìum, la texture a contatto con l’acqua si trasforma in una emulsione lattea. La formula è a base di tre olii: frutto della Passione, noce del Brasile e mandorle dolci. L’estratto di rosmarino è un potente antiossidante. La sua composizione ricca di oli vegetali rispetta l’equilibrio naturale dell’epidermide. Asporta con delicatezza trucco e impurità, eccessi di sebo, liberando i pori e lasciando la pelle pulita, morbida, illuminata, nutrita e idratata. (www.insium.it)

sasePoudre Gommante Pureté Sublime di Galénic Paris, una polvere bianca che a contatto con l’acqua si trasforma in una mousse delicata. La polvere d’argilla bianca ha un effetto detox, mentre la polvere di roccia contrasta l’effetto lucido. Da usare 1- 3 volte a settimana. (in farmacia)

sapteHydra Life Time to Glow Exfoliating Powder di Dior. L’estratto di zucchero affina la grana della pelle, mentre i semi di Loto la levigano. A contatto con l’acqua, si trasforma in una mousse leggera che offre una pulizia profonda e rivela la luminosità naturale della pelle. (nelle farmacie più fornite, nei negozi Limoni / Douglas, su http://www.amazon.it).

ageloc lumispa

 

 

AgeLoc LumiSpa Nu Skin, un nuovo device americano che svolge una doppia azione: purifica e leviga la pelle in una sola volta, grazie all’azione della testina in silicone che agisce in profondità, con un movimento bidirezionale a frequenza precisa.

Una fase. Due minuti. Sette benefici per la pelle

Pulizia profonda: elimina il trucco e tutte le impurità provenienti dall’ambiente.

Pelle liscia: leviga la pelle ruvida ed elimina le cellule cutanee morte per una carnagione più liscia.

Pori meno visibili: agisce sui pori per renderli meno visibili.

Un aspetto più fresco:attiva e rivitalizza la pelle, per una sensazione di freschezza totale.

Pelle più luminosa: pulisce ed esfolia la pelle per un aspetto più chiaro e luminoso.

Pelle morbida: leviga la pelle eliminando le cellule cutanee morte per maggiore morbidezza.

Pelle chiara: elimina il sebo in eccesso per una pelle più chiara.

Questi benefici sono adatti sia per uomini che donne che vogliono mantenere un aspetto giovanile e rendere meno visibili i segni dell’età. Una fase, due minuti, sette benefici. Un gioco da ragazzi! ( contattami –  info@theloredana.com  – prezzo: * euro 203,98).

aparat ageloc lumispa

Acqua Micellare Idratante Somatoline Cosmetics

opt

-svolge un’azione detox che favorisce l’ossigenazione della cute. Nella formula: acido ialuronico, Detoxophane, un antiossidante, e Oxycell che protegge la pelle dalle aggressioni esterne. (in farmacia)

noua

Sanskrit Saponins di Niod, un balsamo detergente viscoso ed intenso perfetto per tutte le imperfezioni, congestioni ed impurità. Un uso costante permette di ridurre le macchie cutanee. Dopo il primo utilizzo lascia la pelle quasi priva di pori, luminosa e levigata. ( http://www.amazon.it  -prezzo:  * euro 27,00, 90 ml).

 

 

 

 

Lista della spesa: cosa non deve mai mancare in dispensa

C’è un modo molto semplice per seguire una dieta equilibrata: avere sempre in casa alimenti sani. Se in dispensa, in frigorifero o in freezer si hanno sempre a disposizione questi ingredienti, sarà anche più semplice cucinare in anticipo dei pasti sani.

legumi secchi

1. Legumi

Lenticchie, ceci, pisellini e fagioli non devono mai mancare in dispensa. Questi legumi sono ricchi di proteine vegetali e di fibre. Inoltre, grazie al loro basso indice glicemico prevengono il diabete. Si possono usare per piatti a base di curry e chili, nelle insalate e persino nei brownie e si trovano sia in barattolo che secchi (in questo caso vanno cucinati).

2. Frutta secca

La frutta secca non salata va bene a tutte le ore: è ricca di acidi grassi, proteine, vitamine e minerali. Si può mangiare tra un pasto principale e l’altro, aggiungere in un frullato o combinare con l’avena e infine aggiungerla a delle salse. La frutta secca, soprattutto noci e mandorle, ha molte calorie quindi meglio non esagerare con la quantità.

3. Uova

Le uova sono un concentrato di vitamine e contengono tutti e 9 gli amminoacidi essenziali. Sono piuttosto versatili e per questo si dovrebbero avere sempre in casa: insieme a un’insalata si ha un pranzo ricco di proteine e non si avvertirà la fame fino a cena.

4. Aglio e cipolla

Aglio e cipolla appartengono al genere di piante Allium e dovrebbero far parte di qualsiasi dieta perché sono molto importanti per dare sapore agli alimenti. La cipolla contiene oli essenziali e composti solforati, che la rendono adatta anche all’uso medicinale. I solfuri, che si trovano soprattutto nell’aglio, sono dei fitonutrienti che hanno degli effetti benefici sul corpo: riducono per esempio il rischio di contrarre il cancro e proteggono da malattie batteriche.

5. Patate

Le patate sono una grande fonte di potassio e sono poco caloriche (100 g di patate hanno 75 calorie). Con le patate si può preparare il purè, una zuppa o si possono mangiare fritte.

Consiglio per la conservazione: possono durare a lungo se conservate in un luogo buio, fresco e asciutto. Vale anche per aglio e cipolla.

frutti di bosco

6. Frutti di bosco

I frutti di bosco freschi sono piuttosto cari ma si possono usare anche congelati perché mantengono bene le vitamine e i minerali. Si possono usare in un frullato, o in combinazione con l’avena.

7. Semi di lino

Interi, macinati o sotto forma di olio, i semi di lino sono ricchi di fibre solubili, proteine e acido alfa linoleico (un acido grasso omega 3). Le mucillagini che contengono favoriscono l’equilibrio delle funzioni intestinali ma meglio se accompagnati da un bel bicchiere d’acqua per evitare costipazione. L’olio di semi di lino spremuto a freddo non deve mai essere riscaldato, va conservato in frigo e usato solo per piatti freddi.

8. Datteri

Questi frutti contengono più fibre del pane integrale, più potassio delle banane e sono ideali per aiutare la digestione. Hanno un alto contenuto di zucchero e sono perfetti per i runner che vogliono una botta di energia per la loro corsa. Si possono usare nei frullati e nei brownie.

9. Verdura a foglia

Spinaci, cavolo riccio e rucola: non solo da usare nell’insalata ma anche in uno smoothie e nella pasta. La verdura a foglie contiene molti nutrienti e dà un senso di sazietà senza aver assunto molte calorie.

10. Avena

L’avena è una fonte di fibre e ha un basso indice glicemico: questo significa che i livelli di zucchero nel sangue crescono lentamente dopo la sua assunzione. Il pancreas così non deve produrre tanta insulina e si ha un senso di sazietà prolungato.

11. Yogurt naturale

Lo yogurt è perfetto per assumere proteine. Meglio evitare gli yogurt a base di frutta e scegliere quello naturale per diminuire il consumo di zuccheri e calorie. Lo yogurt naturale è un probiotico e contiene batteri “vivi” che favoriscono l’equilibrio della flora intestinale. Va benissimo dopo un allenamento in uno smoothie o a colazione con avena o frutti di bosco.

12. Cioccolato fondente

Il cioccolato fa bene e lo sappiamo, ma solo se fondente. Mangiandone due o tre pezzi si può soddisfare la voglia di dolce senza esagerare con le calorie e si abbassa anche la pressione arteriosa. Le fave di cacao sono ricche di flavonoidi (fitonutrienti) dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

te verde

13. Tè verde

Il tè verde è popolare per le sue proprietà curative e dimagranti. Il tè verde ha proprietà antiossidanti, toniche, dimagranti, drenanti e antitumorali, può essere considerata la “bevanda della salute” e conta una storia millenaria. Contiene la catechina, un flavonoide responsabile del buon umore che stimola il metabolismo anche a riposo, favorendo la perdita di peso!

 

te green

Tè verde (30 capsule)

Integratore alimentare con estratto di tè verde – Oggi il tè verde e i suoi estratti sono consumati da molte popolazioni in tutto il mondo ed e’ noto tradizionalmente in Cina e India per le sue diverse caratteristiche benefiche. Il consumo di tè verde contribuisce a proteggere il nostro corpo, rinforzando la naturale difesa dell’organismo contro gli effetti dei radicali liberi provenienti dall’inquinamento, dallo stress, dal fumo e dalle tossine. Una capsula equivale a 7 tazze di tè! (e facile da immaginare che non possiamo bere sette tazze di tè al giorno… quindi un integratore alimentare potrebbe essere la scelta giusta!). Dose giornaliera: assumere una capsula a colazione con un bicchiere d’acqua. Prodotto in Svizzera.

*euro 26,80

Vai di fretta? Ecco come truccarti in cinque minuti

Alzi la mano chi tra noi non si è truccata almeno una volta tra un semaforo rosso e l’altro o si è infilata di corsa nell’ascensore con il rossetto in mano per completare il make up con il minimo sindacale. Tra figli, casa e ufficio il tempo per noi è sempre ridotto ai minimi termini, ma dare al nostro viso un po’ di risalto e farci belle con poche e semplici mosse è possibile: qui qualche astuzia per ottenere un buon risultato nel tempo minimo indispensabile.

Occhiaie, qualche macchia sulla pelle e un viso pallido che non vediamo l’ora di colorare un po’ stando finalmente al sole.

Non sempre purtroppo abbiamo tempo per truccarci, ma togliere almeno quell’aria stanca e avere un aspetto delizioso si può anche senza grandi abilità da make up artist.

Cosa serve? Basta davvero poco: i prodotti indispensabili e un po’ di abilità. Provare per credere!

Una buona base: prima di tutto, occorre che ci prendiamo cura della nostra epiderme con un’accurata beauty routine. Dopo il siero e la crema idratante (sarebbe meglio utilizzarne una con protezione solare) va applicato il fondotinta. In commercio ce ne sono di diverso tipo: compatti, in crema, fluidi e adesso anche spray. Quello che conta è la stesura, che deve essere uniforme, ma leggera. Partiamo dalla parte centrale del viso (naso, mento, fronte) e poi stendiamo il prodotto verso l’esterno e i contorni del nostro ovale. Per non avere un distacco netto meglio arrivare fino al collo sfumandolo sempre più. Tempo impiegato? Due minuti!

A tutta salute: per dare profondità alle gote e avere un aspetto sano, possiamo utilizzare un blush non troppo acceso dai toni aranciati o rosati a seconda della carnagione. Un tocco veloce in diagonale col pennello dal centro verso le tempie e il gioco è fatto. Trenta secondi bastano per completare l’operazione.

A me gli occhi: lo sguardo resta il protagonista del nostro volto. Che si voglia sottolineare con una riga di eyeliner o una linea di matita sfumata con pennello o con le dita non importa: ciò che conta è passare sulle ciglia il mascara in quantità industriali, perché regala profondità e intensità ai nostri occhi. Un minuto è il tempo destinato ai nostri occhi, siamo in tabella di marcia!

NU COLOUR CURLING MASCARA Nero

mascara

Attirate l’attenzione sui vostri bellissimi occhi con il nostro mascara nero arricciante Nu Colour.
Ideale per mettere in risalto il vostro sguardo, questo mascara conferisce un tocco di meravigliosa lucentezza ai vostri occhi. Con lo spazzolino pratico e leggermente ricurvo, questa formula è stata creata appositamente per separare le ciglia e far sì che restino in forma a lungo, senza accumulo di prodotto. Con questo Nu Colour® Mascara potrete avere occhi grandi e bellissimi.

*euro 32,17

Labbra al bacio: per completare il nostro maquillage non resta che prenderci cura della nostra bocca. Un rosetto opaco o lucido andrà bene in ogni caso, perché sarà una decisione che potremo prendere di volta in volta; è fondamentale però che sia in linea con il nostro modo di essere e con l’outfit che avremo scelto per la giornata. Preferiamo un nude look per una mise informale o non particolarmente appariscente, andiamo con decisione sul rosso o sui toni accesi se desideriamo sentirci importanti e vogliamo attrarre l’attenzione. A conti fatti, con questa ultima operazione abbiamo raggiunto i cinque minuti programmati: come previsto!

Lip Plumping Balm: con questo leggero balsamo idratante potrete avere labbra dall’aspetto pieno. Il balsamo scivola facilmente e infonde una sensazione di freschezza. Le labbra diventeranno ancora più morbide e acquisteranno un tocco di colore.

 

LipPlumpingBalm

Utilizzo:

  • Applicate questo prodotto da solo per labbra dall’aspetto pieno con un tocco di colore oppure come base protettiva sotto il rossetto o il lucidalabbra.

    *euro 28,60

    Testimonianza: Megan Foster, U.K.

    testimoniaza lip plumping balm

    logo lip plumping balm